0

God of War [PS4]

God of War è sicuramente una delle uscite di punta di questo 2018 per la piattaforma Playstation, un ritorno atteso due anni dal suo annuncio, carico di tante novità rispetto al passato in termini di gameplay e tecnica. I Santa Monica Studios avranno fatto centro?

God of War

L’avventura parte anni dopo alle gesta vissute in God of War 3, in una terra distante dalla Grecia e in una ambientazione totalmente differente dalla Sparta che conoscevamo. Non andrò avanti nel parlarvi della storia per evitare spoiler ma la struttura narrativa parte con un incipit abbastanza modesto e si svolge in modo lineare per tutto l’arco narrativo.

Punto fondamentale di questa nuova uscita sono i profondi cambiamenti in termini di gameplay e tecnica rispetto ai precedenti capitoli, si passa ora ad una telecamera su spalla e ad un gameplay più articolato e strutturato grazie alla figura di Atreus. Tutto molto funzionale all’epicità del gioco e di supporto ad una regia che ci porta facilmente ad immedesimarci nei personaggi.

God of War

Ora, se dal punto di vista del gameplay il gioco regge bene, articolato e stimolante con il giusto grado di sfida, non si può dire lo stesso per i nemici, pochi e ripetuti durante tutta la narrazione che invero non spicca per lucentezza rimanendo opaca e piatta per le 16 ore di gioco circa.

God of War

Questo perché God of War getta le basi per i successivi capitoli ma pecca leggermente nei contenuti lasciando al gameplay l’onere di mantenere su tutta la produzione.

God of War

Non mancheranno ambientazioni suggestive e scorci notevoli, alcuni piccoli colpi di scena e combattimenti epici ma il tutto finisce inesorabilmente a scontrarsi con una carenza di contenuti di varia natura, incontreremo solo una manciata di NPC, delle quest secondarie non particolarmente ispirate ed enigmi semplici ripetuti varie volte nel corso della storia. Il gioco inoltre si caratterizza per un minimo di backtrack dovuto all’impossibilità di accedere in una prima fase a determinati ambienti, ma lo stimolo di esplorazione non viene sufficientemente soddisfatto nei successivi passaggi.

God of War

Dal mio modesto punto di vista, God of War rappresenta interamente un incipit per i capitoli a venire, un titolo che si rivoluziona lato gameplay (e lo fa bene) e getta le basi narrative per un proseguo interessante, ma che nell’insieme sviluppa pochi contenuti, d’altro canto una seconda visione altrettanto valida è la narrazione della crescita di Kratos e Atreus nel loro viaggio, che sicuramente risulta coinvolgente da questo punto di vista.

Non riesco però ad essere completamente soddisfatto da quanto offerto da God of War, soprattutto nell’ottica dell’attesa pluriennale per sapere come si svilupperanno gli eventi che un finale ad effetto mette sul piatto lasciandoli in sospeso. God of War risulta quindi un ottimo punto per un nuovo inizio, le cui basi di gameplay, direzione artistica e narrativa sono state ben definite in modo egregio, ma che al contempo mi sento di considerare carente sotto il punto di vista narrativo, degli NPC e della varietà dei nemici da affrontare.

LostInGameland

Lascia un commento